Un gol speciale

Lele Adani SCORRI PER LEGGERE STORIA N.8 / 110

Segnare alla Juventus ha sempre un significato speciale per chi indossa la maglia dell’Inter, soprattutto se di mestiere fa il difensore centrale e di gol ne ha realizzati cinque in totale nei due anni in nerazzurro. La sera del 12 febbraio 2004, però, Daniele Adani si trasforma in un implacabile centravanti: l’Inter sta perdendo 2-1 a San Siro contro i bianconeri la semifinale di ritorno di Coppa Italia e ha bisogno almeno di un gol per andare ai supplementari. Nell’ultimo disperato assalto, al 94esimo, il portiere avversario respinge un colpo di testa di Emre e “Lele”, che si trova al posto giusto nel momento giusto, ribadisce in rete da pochi passi.

Mentre lo stadio esplode di gioia, Adani mostra una maglietta con un messaggio: “Francesco torna”. È un appello rivolto a un ragazzo di 15 anni della provincia di Brescia, scomparso cinque giorni prima. Francesco è tifoso dell’Inter e suo padre in quei giorni chiede aiuto ai giocatori nerazzurri, sperando che la voce dei suoi idoli sportivi lo riporti a casa. Adani, che a Brescia ha giocato cinque stagioni, prende a cuore la questione e dedica il suo gol al ragazzo, dando alla nobile causa la maggiore visibilità possibile, così come fanno fuori dal campo Roberto Baggio e Christian Vieri.

Sono molto contento per Francesco, per la sua famiglia, per i suoi amici e compagni di scuola. Quando tutto sarà a posto, lo aspettiamo qui ad Appiano per una bella festa.

L’Inter verrà poi eliminata ai rigori, ma la vittoria più importante arriva due giorni dopo. Francesco viene ritrovato in una stazione di Genova, con una sciarpa nerazzurra al collo, un po’ affamato e infreddolito, ma sano e salvo. “Ho capito di aver sbagliato quando ho visto l’appello dei miei genitori in tv”, dice. “Quando tutto sarà a posto, lo aspettiamo qui da noi”, risponde a distanza “Lele”. Il suo gol, quella sera, valeva molto di più di una finale.

Lele Adani

Daniele Adani, (Correggio, 10 luglio 1974) arriva all'Inter nel 2002 a parametro zero dalla Fiorentina. In nerazzurro totalizza 45 presenze e 5 gol. Nella sua carriera veste anche le maglie di Modena, Brescia, Ascoli ed Empoli. Oggi fa il commentatore sportivo per Sky.